Cronaca
maggio 27, 2015 2576 Visualizzazioni

Un altro importante riconoscimento per il sacerdote chiaravallese Alessandro Ciciliani

Un altro importante riconoscimento per il sacerdote chiaravallese Alessandro Ciciliani

Un altro importante riconoscimento per il chiaravallese Alessandro Ciciliani, dal 2008 apprezzato sacerdote della congregazione dei Passionisti. Nei giorni scorsi Ciciliani, che è nato a Jesi 41 anni fa ma ha sempre abitato con la famiglia a Chiaravalle, ha conseguito il dottorato in storia e beni culturali della chiesa presso la Pontificia Università Gregoriana con una tesi dal titolo “Fabiano Giorgini: storico, religioso passionista e uomo di governo (1929-2008)”. Il relatore della tesi era il prof. Sergio Tanzarella mentre il controrelatore era il prof. Giovanni Sale.

La durata della discussione è stata di un’ora e mezza Alessandro Ciciliani, che ha dedicato la sua ancor giovane ma intensa vita alla preghiera ed allo studio, aveva già conseguito la laurea in medicina e chirurgia presso l’università di Ancona nel 2000, è abilitato alla professione medica e nel 2006 aveva ha conseguito il Baccalaureato in teologia presso la Pontificia Università Lateranense nel 2006.

Non pago il giovane sacerdote chiaravallese si è diplomato in archivistica presso l’Archivio Segreto Vaticano nel 2010 ed ha conseguito la Licenza in Storia e Beni culturali della Chiesa presso la Pontificia Università Gregoriana nel 2011.

Alessandro Ciciliani vive nel convento di Moricone in provincia di Roma e nell’ottobre del 2014 il Superiore Generale dei Passionisti lo ha nominato Presidente della commissione storica della congregazione. “Sono stato felice – commenta con poche parole ed il consueto garbo Ciciliani – di vedere a Roma, alla discussione per il mio dottorato, diversi miei amici di Chiaravalle, che con altre persone religiose e non mi hanno dato un grande appoggio morale, così come i miei genitori Agostino e Gabriella che mi sono stati sempre di aiuto”.

di Gianluca Fenucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Facebook Comments