Sport
giugno 22, 2015 1642 Visualizzazioni

Tutto il mercato della Biagio Nazzaro tra conferme, acquisti e sogni (im)possibili

Tutto il mercato della Biagio Nazzaro tra conferme, acquisti e sogni (im)possibili

La stagione è finita presto, e altrettanto presto è arrivato il nome del nuovo Mister. Badate bene, ‘presto’ non sta assolutamente a significare che la Biagio sta facendo le cose di fretta, anzi. Vuol solo dire che rispetto alle stagioni precedenti, dove diverse decisioni importanti venivano prese con tempistiche più dilatate, questa volta no, questa volta i rossoblu di Chiaravalle stanno pianificando la stagione che verrà con molta attenzione e programmazione.

E dunque, dopo l’annuncio ormai di qualche settimana fa di Mister Marco Lelli, ecco che nei giorni scorsi sono arrivate anche le prime conferme nel parco giocatori. Già perchè la priorità di Società e staff tecnico è quella di non stravolgere un gruppo che tanto bene ha fatto nelle ultime stagioni e cercare di ripartire da un’ossatura vincente.
Primo nella lista, Capitan Fenucci. Giovanni, quasi 42 primavere, dentro ha ancora quel fuoco necessario per guidare da leader la difesa della Biagio. Coppia di centrali che verrà dunque riproposta perchè anche il talentuoso Giovagnoli ha deciso di rimanere. Oltre a loro nella linea difensiva ci sarà Medici, stantuffo inesauribile lungo la fascia destra.
Nella mediana a dire subito sì sono stati anche Rossini, jolly col vizietto del gol, Cecchetti, giocatore che ha mostrato quantità e continuità da far invidia, Ruggeri, che dopo una stagione sfortunata vuol tornare a dire la sua, e Domenichetti, alla sua 7^ stagione a Chiaravalle, inamovibile elemento dello scacchiere biagiotto.
In testa e coda della squadra ci sono le conferme anche del portiere Falcetelli, che nell’ultima stagione si è alternato con sicurezza con i tanti portieri che hanno indossato la maglia biagiotta, e dell’attaccante Gabrielloni, 13 gol all’attivo la scorsa stagione, autentico punto di riferimento del reparto avanzato rossoblu negli ultimi anni.

In standby ancora le posizioni dei baby-campioncini Cecchini, anche se al momento sembra possibile una sua permanenza, e di Giampieri, col quale si valuteranno le diverse opzioni nei prossimi giorni. Allo stesso modo si dovrà valutare la situazione di altri giovani e meno giovani elementi della passata stagione.

Per una rosa che sta prendendo forma partendo dalla vecchia guardia, c’è anche il nuovo che avanza. Altri nomi sono in agenda, ma due sono quelli già ufficialmente in rossoblu.
Il primo è un colpo ad effetto perché risponde al nome di Emanule Pandolfi, attaccante classe ’91, 10 gol con la maglia del Tolentino lo scorso anno. Per Pandolfi una carriera iniziata a Porto Recanati, città dove vive, proseguita nelle giovanili del Pescara e passata per Civitanova e Perugia. Prima dell’approdo in maglia cremisi, era tornato a fare le fortune del Portorecanati. Oggi sposa il progetto Biagio e la speranza del popolo rossoblu è che continui a segnare con regolarità anche a Chiaravalle
Oltre a Pandolfi in rossoblu arriva anche un altro classe ’91, Diego Rossini. Centrocampista esterno destro, dotato di gran passo, Rossini arriva dal Barbara dove nell’ultima stagione ha disputato un campionato ai vertici nel girone A di Promozione.

Fino a qui ciò che è successo. Ora ciò che potrebbe accadere. La Società non sta infatti con le mani in mano e le trattative per rinforzare la squadra sono in fermento. Tre in nomi in cima alla lista, e tutti e tre sono elementi che potrebbero far svoltare il tasso qualitativo della rosa. Due hanno lo stesso ‘pesante’ cognome, Santoni. I fratelli Elia e Mattia sono infatti vicini al sodalizio rossoblu. I loro curricula parlano da soli. Elia Santoni, ex anche della Biagio Nazzaro, centrocampista classe ’88, nella scorsa stagione a Senigallia, vanta tante stagioni da protagonista sia in Eccellenza che in Serie D. Nasce esterno ma Giuliani alla Vigor lo ha impiegato anche come centrale.
Mattia Santoni invece, classe ’84, attaccante con decine di presenze tra i professionisti, ha segnato tanti gol in Serie D con quasi tutte le maglie più prestigiose della regione.
Il terzo sogno è quello di Daniele Api. Nelle ultime stagioni al Matelica, attaccante classe ’81, Api è il classico bomber di razza. Nell’ultima esperienza in Eccellenza datata 2013 ha segnato ben 20 gol, un biglietto da visita di rilievo per scaldare una piazza come quella di Chiaravalle.
Difficile che tutte e tre le trattative possano andare in porto ma nell’ambiente c’è ottimismo.

di Giovanni Romagnoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Facebook Comments