Eventi
novembre 18, 2014 1227 Visualizzazioni

Sette spettacoli per un Teatro Valle tutto al femminile

Sette spettacoli per un Teatro Valle tutto al femminile

Sette spettacoli – di cui sei in abbonamento – dalla forte impronta femminile, disegnano il cartellone del Teatro Valle realizzato da Comune, Fondazione Montessori e AMAT con il contributo di MiBACT e Regione Marche, al via fra pochi giorni. “cittAcomedonnA – ricorda l’assessore alla cultura Francesco Favi – è il filo rosso, o per meglio dire rosa, che attraverserà la programmazione artistica e culturale 2014/2015 di Chiaravalle: una città che da sempre si contraddistingue per un’attenzione alla sfera socio-culturale e per una vocazione alla creatività che non riesco a non associare ad un’essenza femminile; quell’essenza femminile che significa anche cultura della pace. Chiaravalle crede e investe nella convinzione che la donna sia l’alfa e l’omega della convivenza civile e la miglior espressione delle potenzialità insite nell’essere umano. Una convinzione che potrà essere rafforzata da tutte le artiste e le donne che vedremo sfilare quest’anno sul palcoscenico del nostro teatro“.

Si comincia il 25 novembre con Licia Maglietta in Il difficile mestiere di vedova: una riflessione sull’emarginazione del mondo femminile nel cinema e nel teatro. La lingua ricchissima dell’autrice siciliana Silvana Grasso prende vita e si trasforma in materia teatrale incandescente attraverso l’interpretazione della maglietta, che si avvale delle musiche dal vivo di Tiziano Palladino. Madame Bovary, il romanzo di Flaubert, salutato dalla critica come una delle più importanti creazioni letterarie del tempo, va in scena il 18 dicembre nella versione di Luciano Colavero che firma drammaturgia e regia. Ad interpretare la storia di Emma, la sognatrice che conoscono tutti, è la bravissima Chiara Favero. Cenerentola arriva il 10 gennaio messo in scena sul palco del Valle da Factory Compagnia Transadriatica per la regia di Tonio De Nitto. Lo spettacolo, rivolto a tutta la famiglia, lascia spazio a linguaggi nuovi e suggestivi, ma trattiene tutta la bellezza e la densità di questa storia senza tempo. Teatro e danza si fondono accompagnati da impeccabili scelte musicali. Proprio l’8 marzo va in scena Le Beatrici, uno spettacolo assolutamente brioso e divertente che con la caustica capacità di Stefano Benni invita lo spettatore a sorridere e riflettere sulla complessità della figura femminile. Un modo di fare teatro graffiante e diretto per indagare il mondo di oggi in tutte le sue contraddizioni e in tutte le sue assurdità. L’età proibita di Marguerite Duras è lo spettacolo di e con Maria Pilar Pérez in scena il 22 marzo. “Cercavo da tempo – dice la Pérez – un testo che lasciasse un’eco a sipario chiuso, un testo che non consentisse di afflosciarsi in poltrona anzi, che portasse con sé la stessa sensazione di dolore alle ossa che hai quando sei adolescente e stai crescendo, e fa male.” Il 12 aprile chiude la stagione Non ce ne importa niente vera e propria pièce di teatro musicale con Le Sorelle Marinetti, un trio di “ragazze” davvero particolari, che, affascinate dall’esperienza artistica e umana del Trio Lescano, si calano nei panni di tre signorine degli anni ’30 per raccontare con gustosi sketch la società del tempo.

Arricchisce la stagione, fuori abbonamento un viaggio in tre tappe – con la presentazione di tre diversi capitoli in scena dal 30 gennaio al 1 febbraio – quello offerto da La politica insegnata a mio nipote di Sonia Antinori. Lo spettacolo, realizzato nell’ambito del progetto W.I.S.E. finanziato dal Programma Europeo LL Grundtvig in allestimento e in prima al Valle, è un montaggio di storie e prospettive contraddittorie, forme e spazi differenti, speranze, utopie e infine le contraddizioni della democrazia.

Gli abbonamenti ai 6 spettacoli del cartellone sono in vendita a 105 euro per platea e palchi centrali e a 95 euro per i palchi laterali, nei giorni 21 e 22 novembre per il rinnovo dei vecchi abbonati e 23 e 24 novembre per i nuovi abbonamenti alla Biglietteria Teatro Valle aperta dalle 18 alle 20. Riduzioni a, rispettivamente, 90 e 80 euro per under 25, over 65, iscritti Consulta Comunale dei Giovani di Chiaravalle, iscritti laboratorio teatrale VisionArea, soci Touring Club.

Dal 25 novembre è possibile acquistare i biglietti per tutti gli spettacoli in programma. Prevendita anche online su www.vivaticket.it e in tutte le biglietterie del circuito AMAT/VivaTicket.
Info: Biglietteria Teatro Valle 071/7451020 aperta nei giorni di spettacolo dalle ore 18 e AMAT 071 2072439 www.amatmarche.net. Inizio spettacoli ore 21.

da Amat Marche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Facebook Comments