Eventi
agosto 18, 2015 4639 Visualizzazioni

San Bernardo torna in Abbazia

San Bernardo torna in Abbazia

È stato restituito alla devozione dei fedeli e all’Abbazia di Chiaravalle il quadro restaurato raffigurante il volto di S. Bernardo, in occasione della settimana di eventi organizzati in preparazione alla festa del patrono, giovedì 20 agosto prossimo.

La scorsa domenica 16 agosto il parroco Don Giuseppe ha esposto il processo di restauro al quale è stata sottoposta l’opera e con l’aiuto di Don Dario Giorgi ne ha messe in rilievo alcune caratteristiche pittoriche e formali.
Si tratta di una tempera su carta applicata su tela, si legge dal resoconto steso dalla responsabile del restauro Silva Cuzzolin. Il ritratto del Santo si trova in un ovale iscritto in una cornice rettangolare marrone chiaro e risale al XVIII secolo.

La parrocchia ha deciso di affidare l’opera al restauro per l’evidente stato di degrado in cui versava: cartoncino usurato e lacunoso a tal punto da lasciar intravedere la tela di cotone sottostante alquanto rada, colori danneggiati dalla presenza di umidità e dalla colla animale usata per attaccare la carta alla tela e alcuni dettagli nel dipinto completamente abrasi. L’intervento è stato utile a ricostruire le parti mancanti attraverso la carta giapponese, a pulire la pellicola, a emulsionare il collante e infine ad applicare un film protettivo.

Ma è anche interessante notare le scelte espressive operate dall’ignoto pittore. Il padre fondatore dell’ordine cistercense, nonché patrono della città di Chiaravalle, è raffigurato in vesti bianche e viene per questo chiamato anche monaco bianco, in evidente contrapposizione ai cosiddetti monaci neri, i Benedettini, dai quali i cistercensi si erano distaccati per dare vita ad un nuovo ordine, conservando però nel loro vestiario lo scapolare nero.

Il santo, ricordato soprattutto per la preghiera mariana, viene soprannominato dottore mellifluo o citaredus Mariae, cantore di Maria, per la sua delicatezza nella scrittura, per la dolcezza dimostrata nella lode di Maria tant’è vero che Bernardo rifiutò sempre la carica di vescovo più volte propostagli per dedicarsi completamente alla venerazione della Madonna.

Ora, dai locali riservati ai monaci dove è stato ritrovato, sarà esposto in Chiesa sopra il dipinto della Madonna del Rosario che egli tanto celebrava nelle sue lodi.

da Silvia Marcucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Facebook Comments