Politica
giugno 19, 2015 2952 Visualizzazioni

Mencarelli (Unione Civica Chiaravalle) sull’Orto del Prete come area di transito

Mencarelli (Unione Civica Chiaravalle) sull’Orto del Prete come area di transito

Ormai è chiaro e accertato! Tuttavia se qualcuno avesse ancora dubbi, si legga ciò che scrivono nel Ricorso della Servizi srl al Tar Marche contro la Sovrintendenza Regionale i proprietari attuali dell’area ex Cral in relazione alla previsione di far passare la strada di accesso al futuro Supermercato Si! sull’Orto del Prete, acquisito nel 2012 dal Comune di Chiaravalle “in cambio” della cessione di parte del Chiostro alla parrocchia.

Affermano testualmente i responsabili della Servizi srl: “…Con delibera 49 del 2010 il Comune programmava la redazione di un nuovo Piano Particolareggiato di recupero del Centro storico…. e inseriva normativamente la condizione di studiare una viabilità d’accesso che non interessasse la copertura del Torrente Triponzio…”
In precedenza, con lo stesso atto, la Servizi srl aveva dichiarato: “…già la Società Fintecna aveva avviato trattative con il Comune per concordare un soluzione Urbanistico-edilizia di riqualificazione dell’area (come avevamo già denunciato sin dal 2008 con il “Libro nero dell’Urbanistica) con progetto dell’Arch. Silvano Rossini (toh, guarda un po’ chi si rivede, l’Architetto che aveva già redatto il vecchio Piano del Centro storico – insomma Comune o Fintecna, girano sempre gli stessi)…”.
Prosegue quindi la Servizi srl: “…veniva quindi elaborato un nuovo progetto…, risultato di lunghe trattative tra la Servizi SRL e il Comune…”.
Ed il progetto presentato dalla Servizi, come noto, prevede la realizzazione di una ampia strada di accesso da realizzare sull’Orto del Prete, a confine, cioè, con il muro dello storico e millenario Chiostro dell’Abbazia cistercense, cosa questa che ha fatto giustamente infuriare storici, critici, giornalisti e cittadini chiaravallesi!
Quindi cari ex Amministratori del Comune, Sindaco Montali e Segretario del PD Brandoni, Assessore della Giunta Montali, in testa, non veniteci a raccontare ulteriori balle: voi decideste, nel 2010 (in concomitanza con l’approvazione delle “linee guida” del piano del centro storico) di cedere il Chiostro alla Parrocchia e di acquisire l’orto del prete, stipulando il relativo atto nel 2012 (poco prima di andarvene a casa ma non senza aver adottato la variante ex cral quattro giorni prima dell’arrivo del Commissario..), solo ed esclusivamente per dare alla Fintecna e/o alla Servizi SRL una via d’accesso al supermercato, visto che Viale Montessori non poteva, e non può, sopportare traffico pesante!

da Ennio Mencarelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Facebook Comments