Comune Informa
giugno 19, 2015 3047 Visualizzazioni

“L’Ultimo Soldatino Pasoliniano” al Teatro Comunale di Chiaravalle

“L’Ultimo Soldatino Pasoliniano” al Teatro Comunale di Chiaravalle

Sabato 20 e domenica 21 giugno, alle ore 21, presso il Teatro Comunale di Chiaravalle andrà in scena “L’ultimo soldatino pasoliniano. Prima azione teatrale per Massimo Ferretti poeta”, con la regia di Gianfranco Pedullà in collaborazione con Lorenzo Bastianelli. Si tratta del primo lavoro realizzato dai partecipanti al progetto VisionArea, un corso di educazione teatrale avviato lo scorso autunno e promosso dall’Assessorato alla Cultura e alle Politiche Giovanili. La performance finale di questo primo anno di attività è dedicata a Massimo Ferretti, nato a Chiaravalle 80 anni fa e scomparso nel 1974 dopo una breve ma intensa esistenza, segnata da una cronica malattia cardiaca e da precoci quanto significative esperienze letterarie, che gli valsero il riconoscimento e l’amicizia di Pier Paolo Pasolini.

Scrive in proposito Pedullà (studioso di storia del teatro e regista della compagnia toscana Teatro Popolare d’Arte): “Sono molto interessato al rapporto fra la storia dei singoli e la grande storia. Le piccole storie di ognuno di noi e la grande storia procedono indissolubilmente legate, anche se spesso la seconda opprime, condiziona, a volte distrugge le prime. Anche per questo la vita – come scrive Pasolini in una bella lettera a Ferretti – mi appare sempre più come un salire e scendere dal centro alla periferia. Quest’azione teatrale tende all’autobiografia di un territorio. La bella storia di Chiaravalle s’intreccia con la storia dell’Italia e del mondo”.

L’Amministrazione si è fortemente spesa perché, dopo anni di assenza, a Chiaravalle tornasse un laboratorio teatrale comunale, erede di quello che tra il 1995 e il 2001 fu il C.E.T. (Centro di Educazione Teatrale). Particolarmente entusiasta del progetto è l’Assessore Francesco Favi, che afferma: “Dal novembre 2014 ad oggi VisionArea ha già attirato più di venti iscritti (tra i quali molti giovani), che si sono lasciati coinvolgere con sorprendente passione e lodevole senso di responsabilità nella sua doppia dimensione: quella laboratoriale affidata a Bastianelli e quella seminariale condotta da Pedullà, con il contributo di vari altri esperti. A tutti loro rivolgo il mio affettuoso ringraziamento, anche per aver voluto dedicare questo primo studio teatrale a Ferretti e al suo essere in qualche modo paradigma esistenziale e letterario di quel potenziale (in)espresso e di quella febbrile sospensione tra marginalità e protagonismo storico che caratterizza la nostra cittadina”.

L'Ultimo Soldatino Pasoliniano

dal Comune di Chiaravalle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Facebook Comments