Cronaca
ottobre 31, 2014 1949 Visualizzazioni

L’ingegner Piera Levi-Montalcini sta bene ed ha partecipato al resto delle iniziative

L’ingegner Piera Levi-Montalcini sta bene ed ha partecipato al resto delle iniziative

L’ingegner Piera Levi-Montalcini sta bene, si è prontamente ripresa dal malore che aveva accusato giovedì mattina dopo l’intitolazione alla celebre zia Rita Levi-Montalcini dell’istituto comprensivo di Chiaravalle ed ha partecipato attivamente alle altre iniziative della giornata di festa della scuola chiaravallese.
Nel pomeriggio ha risposto alle interessanti domande che gli alunni dell’istituto le hanno posto sulla figura e l’opera della zia premio Nobel nel 1986 e senatrice a vita ed ha ricevuto gli applausi del pubblico che era a teatro.

La prof. Sara Montesi, che aveva fatto gli onori di casa, aveva ricordato le motivazioni dell’intitolazione alla celebre scienziata della scuola. “Perché Rita Levi-Montalcini? Per i grandi valori che ha veicolato con la vita e le parole – ha detto Sara Montesi che ha curato nei minimi dettagli le iniziative – esempio di grande determinazione, di forza e di tenacia, di passione per ciò in cui si crede, di amore per lo studio e la ricerca. Rita Levi-Montalcini è un modello di bellezza ed eleganza che scardina gli stereotipi della bellezza oggi imperanti; donna che ha conquistato con fermezza il diritto a realizzarsi in una dimensione appannaggio dell’universo maschile; persona che ravvisa nell’istruzione lo strumento più importante per il riconoscimento della dignità di ogni essere umano e, in modo particolare, di ogni donna. Figura di spicco, nel panorama culturale italiano, che ha dato lustro al nostro Paese nel mondo, grande sostenitrice dei giovani, che incita a superare ogni difficoltà e ad allargare gli orizzonti del proprio sguardo al mondo che li circonda, spronandoli ad uscire da sé. Un privilegio per noi dell’istituto di Chiaravalle sposare il suo nome alla nostra scuola”.

L’ing. Piera Levi-Montalcini ha risposto con dovizia di particolari alle tante domande che gli hanno rivolto gli studenti, alcune delle quali inerenti anche a curiosità sulla vita privata della senatrice a vita morta nel dicembre 2012 quando aveva 103 anni.

La bella giornata di festa dell’istituto si è conclusa in serata quando al teatro Valle si è tenuto il concerto di Michele Castaldo, giovane e già affermato pianista chiaravallese, che ha ottenuto grandi successi in Russia e Germania. Il giovane e talentuoso musicista ha suonato celebri brani di Mozart, Beethoven e Liszt in un teatro pieno che gli ha tributato convinti applausi.

di Gianluca Fenucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Facebook Comments