Sport
novembre 23, 2015 1268 Visualizzazioni

Cavaliere risponde al Porto d’Ascoli, pareggio di rigore per la Biagio

Cavaliere risponde al Porto d’Ascoli, pareggio di rigore per la Biagio

È un punto guadagnato, perché per almeno un’ora e nei minuti finali ce la siamo vista brutta. Il Porto d’Ascoli è la migliore squadra finora vista al Comunale in fatto di volume di gioco, fluidità di manovra e disciplina tattica; la Biagio, senza alcuni pezzi da novanta in panchina (Gabrielloni e Domenichetti per guai fisici, Diego Rossini per scelta tecnica), con Giovagnoli squalificato e Santoni fuori servizio, ha sofferto tremendamente le pericolose incursioni ospiti per tutto il primo tempo, abbozzando solo nella ripresa la generosa reazione che ha fruttato il pareggio. Rete dal dischetto di Cavaliere a parte, non si può dire che il portierino sambenedettese Cinaglia abbia corso altri seri rischi.

BIAGIO NAZZARO 1 – PORTO D’ASCOLI 1
BIAGIO NAZZARO: Tavoni, Medici, Candolfi, Fenucci, Carloni, Cecchetti (59´ Gabrielloni), Giampieri, Rossini L. (78’ Ruggeri), Cavaliere, Lassaro (51’ Rossini D.), D’Errico. A disposizione: Falcetelli, Domenichetti, Gatti, Jelicanin. All. Malavenda
PORTO D’ASCOLI: Cinaglia, Leopardi, Viti, Angelini, Ciotti, Sensi, Tedeschi (71’ Gabrielli), Biancucci, Candellori, Bolzan (83’ Croci), Nepa (67’ Cingolani). A disposizione: Capriotti, Grossetti, Donzelli, Tommasi. All. Filippini
RETI: 22’ Biancucci, 61’ Cavaliere rig.
ARBITRO: De Luca di Pesaro

Note: osservato un minuto di silenzio prima dell’inizio nel ricordo di Ernesto Torbidoni, ex giocatore e dirigente rossoblù, scomparso in settimana. Tommaso Gabrielloni, entrato al 14’ della ripresa, ha raggiunto le 100 presenze con la maglia della Biagio. Ammoniti Cecchetti, Gabrielloni, D’Errico, Sensi e Nepa, Espulso Medici all’84’ per somma di ammonizioni. Calci d’angolo: 4-5. Spettatori 200 circa.

L’inizio di partita è scoppiettante e nel primo quarto d’ora le due squadre si propongono sovente in area avversaria. Il Porto d’Ascoli si vede annullare una rete di Candellori al 5’ (segnalazione di fuorigioco), poi sfiora il vantaggio al 12’ con lo stesso Candellori, anticipato proprio all’ultimo da Carloni e servito dopo una perentoria accelerata di Bolzan sulla sinistra. Al 16’ Tavoni para egregiamente su Bolzan, ma al 22’ nulla può sul tocco d´inserimento di Biancucci, pescato sempre dall’argentino. La Biagio non abbozza una reazione adeguata e le poche conclusioni dirette verso Cinaglia non sono certo degne di cronaca. Nella ripresa i rossoblù partono con maggiore veemenza, soprattutto perché gli adriatici, forti del vantaggio, preferiscono attendere anziché fare la partita. Ciononostante, ci vuole l’ingenuità di Sensi, che al 16’ strattona fallosamente Cavaliere in area, per arrivare al sudato pari. Dal dischetto Cavaliere marca il primo timbro stagionale. A questo punto la gara scende di tono e, fatto salvo un diagonale di Cingolani al 23’, va in letargo fino ai minuti finali quando il Porto d’Ascoli, in superiorità numerica per l’espulsione di Medici, fa tremare i rossoblù con Viti al 42’ e con Croci al 44’, il quale arriva in ritardo all’appuntamento con una palla deliziosamente servita da Cingolani.

Ora l’attenzione è rivolta al delicato confronto di mercoledì al Comunale (inizio ore 18). Contro il Fabriano Cerreto, nell’ultima giornata del gironcino di semifinale, la Biagio cercherà di conquistare per la seconda volta consecutiva la finale di Coppa.

da ASD Biagio Nazzaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Facebook Comments