Sport
febbraio 27, 2015 878 Visualizzazioni

Biagio alla ricerca di continuità, Fenucci: “Mi aspetto una partita gagliarda”

Biagio alla ricerca di continuità, Fenucci: “Mi aspetto una partita gagliarda”

Dare continuità al successo di Fossombrone, queste le parole d’ordine in casa rossoblu. “Sicuramente -conferma Mister Fenucci- se vogliamo cullare ancora qualche sogno, o se semplicemente vogliamo dormire più serenamente, abbiamo il dovere di provare a vincere contro il Grottammare. Non è un compito facile però perchè hanno una formazione completa e ben coperta in ogni reparto, con elementi di spicco tra i quali Di Crescenzo e Mongiello

La Biagio, rinfrancata dai 3 punti nello scorso turno, arriva alla gara con qualche defezione ma con alcuni giocatori in ripresa. “Cecchetti è ancora squalificato dunque non sarà di certo della partita. Vorrei invece riproporre Mbaye ma ha delle noie muscolari. Lo stesso Giampieri non è al meglio e da qualche giorno combatte con un problema alla caviglia a seguito di una botta ricevuta; dovrebbe comunque farcela. Lo stesso Magi, fuori da tempo, potrebbe di nuovo far parte dei convocati. Mi aspetto comunque da tutti una partita gagliarda perchè il Grottammare non verrà a Chiaravalle a fare una passeggiata e come noi, oltre a guardarsi alle spalle, guardano con maggiore attenzione a chi sta avanti”

Più che il Grottammare, per gli amanti delle statistiche, a spaventare è il Comunale. La Biagio non vince in casa infatti da un intero girone. “Non credo ci sia nessun tabù da sfatare -spiega serenamente Fenucci- perchè se nelle ormai più volte citate partite col Portorecanati, Urbania e anche nell’ultimo turno casalingo con l’Atletico Gallo, avessimo raccolto quanto meritato non faremmo questi discorsi. La nostra è una squadra che interpreta le gare sempre nello stesso modo, sia che si giochi fuori che in casa, e forse il problema risiede nel fatto che tra le mura amiche ci si aspetta sempre una vittoria ingigantendo un problema che nella realtà delle cose non c’è. Non facciamola diventare un’ossessione”.

di Giovanni Romagnoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Facebook Comments