Politica
febbraio 11, 2015 1248 Visualizzazioni

ApertaMente ripropone in Consiglio Comunale la questione sulla sicurezza del territorio

ApertaMente ripropone in Consiglio Comunale la questione sulla sicurezza del territorio

Ancora un nuovo episodio di criminalità ferisce il nostro territorio; a farne le spese questa volta una stimata professionista ed i suoi familiari.

Sono molti, troppi, gli eventi delittuosi che hanno colpito i residenti di Chiaravalle negli ultimi mesi: innumerevoli abitazione svaligiate dai malviventi e, l’episodio più tragico, l’omicidio di Giancarlo Sartini, solo nel dicembre dello scorso anno.

Dobbiamo amaramente constatare che non viviamo più nella tranquillità e sicurezza di un tempo, che molte cose stanno cambiando, purtroppo in peggio; non per questo dobbiamo però arrenderci ed abbassare la guardia.

Abbiamo presentato per il prossimo consiglio comunale del 26 febbraio (avendo comunque già sollevato la questione con una interpellanza del settembre 2013) un ordine del giorno in cui chiediamo al Sindaco, alla Giunta e a tutti Consiglieri Comunali l’impegno a voler urgentemente convocare un summit di coordinamento che coinvolga i sindaci dei comuni limitrofi, il prefetto e le forze dell’ordine, al fine di studiare un piano strategico di contrasto alla crescente criminalità che si è diffusa sul nostro territorio.

Dispiace infine leggere sui quotidiani che il nostro sindaco individui come sola soluzione di contrasto a tali fenomeni l’introduzione di una diversa legislazione statale; è certo che il potere legislativo in questo ambito non sia in capo ad un sindaco, ma è altrettanto certo che sia necessario adottare immediatamente un atteggiamento di contrasto duro e determinato a fronte dell’insorgenza di fenomeni di criminalità, con azioni concrete e con un impegno tale da poter migliorare questa assurda situazione, per evitare che diventi normalità.

da Gruppo Consiliare Apertamente
Avv. Ettore Togni
Cons. Stefano Tanfani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Facebook Comments